Menu Chiudi

AS ROMA: DI FRANCESCO APPESO AD UN FILO

Dopo la sconfitta subita dai giallorossi ad Udine per 1-0 è stato messo in discussione il futuro del mister Di Francesco con la Roma; è un allenatore che sta dando il massimo per questa squadra ma a quanto pare ciò non basta per fare della Roma una squadra unica.

La Roma è una delle squadre italiane a tirare più volte in porta, ma mancano i gol, mancano quelle azioni che possono cambiare totalmente la partita, manca la determinazione da molti giocatori.

Ora alla Roma tocca affrontare sfide pesanti e a risentirne più di tutti è proprio Di Francesco; sicuramente non ha mai pensato alle dimissioni, non si è mai arreso, ma ha bisogno di qualcuno che in campo sia capace di risolvere la partita.

IL CAGLIARI PRIMAVERA PASSA SUI ROSANERO 1-2

Palermo e Cagliari si sfidano al Pasqualino Stadium in un match valido per la nona giornata del campionato Primavera 1.

I primi minuti della gara sono caratterizzati da ritmi bassi, con le due squadre che si studiano alla ricerca del pertugio giusto. Al 14’ i rosanero si fanno pericolosi colpendo un palo con un colpo di testa di De Marino sugli sviluppi di un corner. I sardi reagiscono mettendo la freccia con Verde, il quale al 23’, ben imbeccato da Ladinetti, trafigge Avogadri con freddezza portando avanti i suoi.

Nel secondo tempo il Palermo rientra in campo deciso a trovare il pareggio. Nei minuti successivi i rosanero spingono in maniera ragionata per cercare il gol che riaprirebbe i giochi, sfiorandolo anche in un paio di occasioni.

La meritata rete dell’1-2 arriva al 72’: a griffarla è Louka sfruttando una respinta corta di Daga, bravo comunque a neutralizzare un colpo di testa vincente di Cannavò. La girandola di cambi nel finale dona incertezza al match ma non ci saranno altre emozioni degne di nota se non l’espulsione di un giocatore della formazione siciliana.
Al termine delle ostilità il Cagliari passa dunque a Palermo grazie alle reti di Verde e Lombardi, per i rosanero gol di Louka.

MARAN: “TORO FORTE, MA NOI SIAMO PRONTI”

Domani sarà Cagliari-Torino, alle 20:45 i rossoblù ospiteranno alla Sardegna Arena i granata con l’obiettivo di cogliere i tre punti ed agganciare la compagine granata a quota 17.

Di seguito la dichiarazione del mister Maran:
“Vorrei iniziare augurando una buona guarigione a Walter. Ci tengo che sia chiaro il messaggio da parte mia e del Cagliari. Faragó e Padoin non saranno quasi sicuramente della gara ma ci sono altri che sono sicuro che daranno un grande contributo.

Abbiamo lavorato bene con la nostra solita mentalitá. Non abbiamo lasciato niente al caso e i nazionali sono tornati con lo spirito giusto. Reputo il Torino una delle squadre piú forti del campionato, sappiamo che avremo difficoltá ma le affronteremo.

Per sostituire Padoin e Faragó vedró chi puó darmi di piú tra Lyko e Pajac, sono simili e Pajac è forse un po’ piú offensivo. Lyko ha piú esperienza ma sono molto simili.
Dico che il Torino è una grande squadra perchè lo penso, è tosta ed è difficile da affrontare. Sappiamo peró cosa dobbiamo fare e dovremo essere molto bravi.

Mi auguro che il tutto esaurito allo stadio sia perchè abbiamo trasmesso loro qualcosa. Per il momento che stiamo attraversando questa partita puó dare tanto”.