Menu Chiudi

MARAN: “TORO FORTE, MA NOI SIAMO PRONTI”

Domani sarà Cagliari-Torino, alle 20:45 i rossoblù ospiteranno alla Sardegna Arena i granata con l’obiettivo di cogliere i tre punti ed agganciare la compagine granata a quota 17.

Di seguito la dichiarazione del mister Maran:
“Vorrei iniziare augurando una buona guarigione a Walter. Ci tengo che sia chiaro il messaggio da parte mia e del Cagliari. Faragó e Padoin non saranno quasi sicuramente della gara ma ci sono altri che sono sicuro che daranno un grande contributo.

Abbiamo lavorato bene con la nostra solita mentalitá. Non abbiamo lasciato niente al caso e i nazionali sono tornati con lo spirito giusto. Reputo il Torino una delle squadre piú forti del campionato, sappiamo che avremo difficoltá ma le affronteremo.

Per sostituire Padoin e Faragó vedró chi puó darmi di piú tra Lyko e Pajac, sono simili e Pajac è forse un po’ piú offensivo. Lyko ha piú esperienza ma sono molto simili.
Dico che il Torino è una grande squadra perchè lo penso, è tosta ed è difficile da affrontare. Sappiamo peró cosa dobbiamo fare e dovremo essere molto bravi.

Mi auguro che il tutto esaurito allo stadio sia perchè abbiamo trasmesso loro qualcosa. Per il momento che stiamo attraversando questa partita puó dare tanto”.

RIETI – JUVE STABIA 1-3. LE DICHIARAZIONI AL TERMINE DELLA GARA

Al termine di Rieti-Juve Stabia, terminata con la vittoria delle vespe in rimonta per 1-3, sono intervenuti in conferenza stampa i calciatori Mezavilla e Carlini, oltre al direttore sportivo Ciro Polito, al direttore generale Clemente Filippi e al tecnico Fabio Caserta. Ecco le dichiarazioni riportate sulla pagina Facebook della S.S. Juve Stabia:

Mezavilla: “Partita che si è messa subito in salita, siamo stati bravi a saper soffrire e poi a vincere la partita. L’esultanza sul gol avevo promesso di farla e per fortuna sono riuscito a segnare”.

Carlini: “Questo è lo spirito giusto per affrontare questo campionato difficile. Sul gol ho sperato che la palla arrivasse sul secondo palo e mi sono posizionato in quel punto, è andata bene. Segnare sotto la curva è sempre una grande emozione“.

Direttore Sportivo, Ciro Polito: “Vengo in sala stampa per smentire categoricamente tutte le voci di mercato che circolano intorno alla Juve Stabia. Ad oggi abbiamo una rosa di 28 uomini e meritano tutti il massimo rispetto per quello che stanno dando per questa maglia”.

Direttore Generale, Clemente Filippi: “Bisogna saper soffrire come le grandi squadre sanno fare, pensiamo partita per partita, alla fine tireremo le somme”.

GALLIANI: “CREDO CHE LA LOTTA PER LO SCUDETTO SIA TRA JUVENTUS E NAPOLI”

L’ex dirigente milanista Adriano Galliani, attuale A.D. del Monza, intervenendo durante la trasmissione “Un Calcio Alla Radio” di Radio CRC Targato Italia, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“Certo che c’è nostalgia dei tempi in cui Napoli e Milan lottavano per lo scudetto. Ricordo bene Van Basten contro Maradona e ricordo ancora gli applausi del primo maggio. Io ho pianto di gioia e per l’emozione, fu una partita incredibile. Voi avete vinto scudetti prima e scudetti dopo. Sono sciccherie difficili da ripetere. Ricordo una cena a casa di Silvio Berlusconi con tutta la squadra.

Ancelotti contro Allegri chi vince? Juve e Napoli hanno i due migliori organici della serie A, ma questi organici sono arricchiti e potenziati dai loro allenatori che sono grandissimi. Li conosco bene e ho molto affetto per loro, credo ricambiato. Credo che la lotta per lo scudetto sia assolutamente tra Juventus e Napoli.

Spalletti? Ha un percorso da ottimo allenatore, ma non ha mai vinto quello che hanno vinto Allegri o Ancelotti. E’ un grandissimo allenatore ma questi due li conosco bene.
Il Napoli si qualifica agli ottavi? Penso di sì, intanto adesso dovete mettere in conto che il Napoli ha un allenatore che ha vinto ovunque sia andato”.

ZAZZARONI: “CAVANI AL MOMENTO E’ SOLO UNA SUGGESTIONE”

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live, è intervenuto il giornalista Ivan Zazzaroni, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Cavani è una suggestione, potrebbe diventare qualcosa di concreto, ma al momento è solo una suggestione.

Ho messo il Napoli vincente ad inizio stagione per cui non mi sorprende il rendimento di questa squadra, ma il percorso sì. Non pensavo che Ancelotti potesse inventarsi questo Napoli. Chi pensava al Napoli quinto in classifica non dovrebbe occuparsi di calcio perchè non vi sono le basi per mettere 4 squadre davanti al Napoli. La squadra azzurra ha aggiunto giocatori e portato l’allenatore più vincente in assoluto.

L’Inter sta facendo quello che deve fare, la Roma invece è fatta da giovani mentre il Milan ha una discreta rosa migliorata da Higuain, ma nessuna può essere paragonata al Napoli.

Non ci sono le condizioni affinchè Higuain torni a Napoli dopo tutto quello che è successo e poi francamente non credo che il club vada ad investire su un calciatore del genere, non più giovanissimo. E’ vero che Cavani ha la stessa età e infatti non credo neppure al ritorno di Cavani”.